“Ti amo da matti!” Grandi gesti e follie in nome dell’amore

Cosa sono pronti a fare gli uomini per amore? Di tutto.

sampsonking

Wally Sampson ed Edoardo VIII, che preferì abdicare al trono d’Inghilterra piuttosto che rinunciare all’amore di lei.

Molti gesti e azioni umane apparentemente insensate si spiegano solo quando se ne comprende la motivazione interiore, che spesso è proprio l’amore.

Il Re di Baviera Ludwig, per esempio, si innamorò di Lola, una ballerina, e le permise di mettere bocca negli affari di stato. Quando il governo iniziò a protestare, piuttosto che criticare la sua amata Ludwig preferì abdicare.

Lo stesso fece Edoardo VIII, re d’Inghilterra, che rinunciò al trono per amore di Wally Simpson, un’americana divorziata priva di titoli nobiliari.

Il principe Shah fece erigere il celebre Taj Mahal, in India, per amore della sua defunta consorte.

Quando invece morì Carol Lombard, suo marito, Clark Gable, smise di recitare per tre anni e partì volontario per il fronte.

Ma non c’è bisogno di essere re o star del cinema: Gaetano Costanza sommerse per mesi l’inglese Louise Wilson di lettere d’amore, fino ad arrivare a scriverne 22 al giorno; il brasiliano Marcio De Silva percorse sulle ginocchia 15 chilometri per riconquistare il cuore della sua ex.

Un imbianchino di Dortmund scrisse il nome della sua amata su 80 muri e facciate, compresa quella della questura. E fu arrestato.

E se l’amore non è ricambiato?

Ricardo Lopez, innamorato della cantante Björk, quando seppe che lei amava un altro le spedì un pacco bomba e si sparò, filmando il suicidio con una videocamera.

Addirittura, John Hinkley arrivò a sparare al presidente degli Stati Uniti Ronald Regan perché l’attrice Jodie Foster non ricambiava il suo amore.

E, senza arrivare a tanto, a voi è mai capitato di fare “follie” per amore?


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai ebook e video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. L’avventura del Colosseo è il suo nuovo libro, e tra gli altri Rivelazioni, Il tesoro di Leonardo e i thriller Il passato è una bestia feroce Non guardare nell’abisso. Segui Massimo anche su FacebookTwitter, PeriscopeInstagram, Pinterest, Telegram e la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive). Per invitarmi a tenere una conferenza scrivi qui.



Lascia un commento

*