Il mostro di Firenze: un caso chiuso?

È morto due domeniche fa Fernando Pucci, 86 anni, l’ultimo dei cosiddetti “compagni di merende” del Mostro di Firenze, in quello che è considerato uno dei più efferati fatti di sangue della cronaca italiana.

mostro di firenze

Per l’occasione ho curato un’inchiesta per Queryonline che fa il punto sulla tragica vicenda su cui forse è calato definitivamente il sipario…

Nel processo del 1997, era stato proprio Pucci a collocare gli assassini sulla scena di alcuni delitti, contribuendo a fare condannare i suoi compagni.

Quella del Mostro di Firenze resta una delle vicende più terribili e complesse del nostro paese.

Una serie di duplici omicidi che, tra il 1968 al 1985, insanguina le colline attorno a Firenze. Giovani coppie che si appartano in auto la sera vengono sorprese dal “mostro”, che prima le uccide a colpi di pistola e coltello e poi infierisce mutilando i cadaveri delle ragazze.

Una mini serie in 6 puntate andata in onda su Fox Crime nel 2009 ricostruiva piuttosto fedelmente i fatti. Questo il trailer:

Nel 1993 le inchieste della polizia e dei magistrati accertano che a uccidere non è stata una sola persona ma un gruppo di balordi della zona. Il loro capo, Pietro Pacciani, muore mentre il processo è in corso. Gli altri finiscono in carcere.

Un resoconto del 1999 (a vicenda ancora aperta) dei delitti, firmato da Carlo Lucarelli e da Michele Giuttari, allora incaricato di seguire le indagini.

Un resoconto del 1999 (a vicenda ancora aperta) dei delitti, firmato da Carlo Lucarelli e da Michele Giuttari, allora incaricato di seguire le indagini.

Oggi sono tutti defunti, ma l’inchiesta è andata avanti ancora per anni alla ricerca di possibili “mandanti” che commissionavano ai “compagni di merende” i delitti e il recupero dei macabri souvenir, forse al fine di compiere rituali esoterici.

Nel 2009, però, anche questo filone si esaurisce: prima con l’archiviazione dell’inchiesta sulla morte di un medico perugino, ritenuto il “conservatore” dei feticci, e poi con il proscioglimento per mancanza di prove di un farmacista considerato dall’accusa uno dei mandanti.

A cinquant’anni di distanza dal primo delitto, la figura del mostro di Firenze è ormai entrata nell’immaginario collettivo degli italiani.

Potete leggere la mia inchiesta in due parti, che ho scritto per Queryonline, iniziando qui e proseguendo qui.

Al tema del Mostro di Firenze ho dedicato oltre 200 pagine nei miei libri Grandi gialli della storia e Cronaca nera. Entrambi sono fuori stampa (ma non escludo di riprenderli presto). Nel frattempo, qualche copia si trova ancora:

LEGGI “GRANDI GIALLI DELLA STORIA”

LEGGI “CRONACA NERA”


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai ebook e video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. L’avventura del Colosseo è il suo nuovo libro, e tra gli altri Rivelazioni, Il tesoro di Leonardo e i thriller Il passato è una bestia feroce Non guardare nell’abisso. Segui Massimo anche su FacebookTwitter, PeriscopeInstagram, Pinterest, Telegram e la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive). Per invitarmi a tenere una conferenza scrivi qui.



Lascia un commento

*