Psicocinesi? Ecco i trucchi di chi sposta gli oggetti con il “pensiero”

Come fanno certe persone a muovere oggetti senza toccarli? Se esistesse, questo potere si chiamerebbe “psicocinesi”: ma è mai stato dimostrato? Finora no, ma si sono scoperti tanti trucchi che imparerete guardando il nuovo episodio di Strane Storie, la mia serie su YouTube:

Se non l’hai già fatto, ti invito a iscriverti al mio canale per non perdere i prossimi episodi:

ISCRIVITI AL MIO CANALE YOUTUBE

E se vuoi approfondire sui trucchi per muovere oggetti senza toccarli, ecco qualche spunto:


Ti incuriosiscono i misteri? Segui “Strane Storie”, la mia serie settimanale su YouTube


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, insegna “Comunicazione della scienza” ai dottorandi dell’Università di Padova e in passato è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, collabora con Piero Angela a Superquark, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. Segreti e tesori del Vaticano è il suo ultimo libri. Segui Massimo anche su YouTubeFacebookTwitter, Instagram, Telegram e la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive). Per invitarmi a tenere una conferenza scrivi qui.




2 Comments

  1. Da quando fai i video non ho più modo di informarmi sugli argomenti che potrebbero interessarmi. Il motivo è che raramente guardo video su internet, essendo capace di leggere. Dovresti aggiungere anche il testo scrito.
    I video sono più lunghi, fanno rumore, spesso si interrompono, consumano connessione, non c’è modo di fare pause e scorrere e tutto quello che si puà fare con un testo scritto.
    Va bene rincorrere i ragazzini e i loro telefonioni, ma non è un motivo per scaricare tutto il resto.

    1. Ciao Flavia, ma io non ho mai smesso di scrivere: ho una quantità di libri in uscita, oltre a tutto il materiale che si trova sul mio sito, su quello del CICAP e su quello di Focus. I video sono qualcosa in più, per un pubblico che invece (ahimé sono tantissimi!) non legge. In ogni video, comunque, ci sono anche i sottotitoli se li attivi: così si possono guardare senza audio.

Lascia un commento

*