Venerdì 13: ecco i segreti per diventare fortunati

È possibile “diventare fortunati”? Forse no, ma potrebbe essere possibile creare occasioni per piacevoli sorprese.

fortuna

Il segreto sta nel lasciare margini all’inaspettato. Ecco come…

L’amico inglese Richard Wiseman, psicologo all’Università dell’Hertfordshire, dice che i fortunati genererebbero la propria fortuna attraverso quattro principi base. Essi sanno:

1) cercare, creare e sfruttare le occasioni favorevoli offerte dal caso, cambiando anche le proprie abitudini;

2) seguire di più il proprio istinto;

3) creare profezie che si autoavverano guardando con ottimismo il futuro;

4) vedere che le cose sarebbero potute andare peggio, anziché lamentarsi perché non sono andate meglio.

Il_Fattore_fortuna_Copretina_libro

Il libro di Richard Wiseman nella traduzione Sonzogno di qualche anno fa.

Uno degli elementi emersi dalla sua ricerca (che ha trasformato anche in un libro, Fattore fortuna, da Sonzogno) è proprio il fatto che chi si ritiene fortunato si impegna anche a introdurre frequenti cambiamenti e varietà nella propria vita.

Tra i soggetti “fortunati” che Wiseman ha studiato c’era chi, prima di una decisione importante, cambiava ogni giorno la strada per andare al lavoro; chi, invece, accortosi che alle feste parlava sempre con lo stesso tipo di persone, pensava prima a un colore e poi parlava unicamente con quelli che indossavano un indumento di quel colore.

«Per quanto strano sembri» spiega Wiseman «in certe circostanze questo tipo di comportamenti può davvero aumentare le occasioni che si presentano nella propria vita. Immaginate di vivere al centro di un frutteto. Ogni giorno dovete raccogliere un cesto di mele: le prime volte non importa quali parti del frutteto deciderete di visitare, ma in seguito se tornerete sempre negli stessi punti le mele diventeranno sempre più rare.

Solo chi decide di visitare ogni volta punti inesplorati del frutteto, procedendo anche a caso, aumenterà le probabilità di trovare delle mele. La stessa cosa succede con la fortuna: è facile esaurire le poprie opportunità parlando sempre con le stesse persone, andando sempre in vacanza negli stessi posti e facendo sempre la stessa strada per andare al lavoro. Ma è sufficiente introdurre esperienze nuove per ritrovarsi con tante nuove possibiità».

Chi fa sempre le cose nella stessa maniera, insomma, non lascia margine all’inaspettato e l’inaspettato potrebbe essere proprio il tanto atteso colpo di fortuna.

È successo anche a voi qualcosa di simile? Raccontatemi…


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai ebook e video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. Rivelazioni e Il tesoro di Leonardo sono i suoi libri più recenti, mentre Il passato è una bestia feroce è il primo thriller di una nuova serie. Si può seguire Massimo Polidoro anche su FacebookTwitter, PeriscopeGoogle+, Instagram e attraverso la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive).




3 Comments

  1. Ritengo sia importante per allontanare gli eventi negativi sentirsi positivi cambiare strada è un bellissimo esempio e concordo pienamente. Allontanarsi dalle persone piagnucolose che si lamentano sempre è fondamentale. Per non parare di quelle invidiose. Sono sentimenti percettibili basta star lontani da taluni soggetti che generano solo negatività. L fortuna la creiamo noi con l’approccio giusto nei confronti della vita. Se desidero vedere i colori brillanti la mia mente li crea ma se desidero che il nero primeggia questo accade. Quindi siccome tutto nasce dalla testa è fondamentale la nostra predisposizione nei confronti della vita. Questa è solo il mio punto di vista ed è opinabile ovviamente.
    Una Buona Domenica Massimo
    Gianna Pellegrino

    1. Grazie Gianna per le tue osservazioni.

  2. Il tutto si potrebbe riassumere con un famoso detto: “chi non rischia non rosica”. Ovviamente rischiando in maniera coscienziosa e buon senso.

Lascia un commento

*