Cagliostro

Mi fa molto piacere che la nostra ricerca di una figura leggendaria italiana che meriti nuove indagini stia suscitando interesse. Trovo molto suggestivi i vostri commenti anche se, forse, dobbiamo cercare di correggere un po’ il tiro. Come dicevo, sarebbe il caso di concentrarci su singoli personaggi, del passato non troppo recente magari, sui quali non sia stata condotto un lavoro di ricerca già esaustivo.

Escluderei anche Santi o Beati, oltre al Garibaldi, su cui davvero esiste tantissimo, e a Majorana, del quale è misteriosa la scomparsa, ma non la sua vita, mentre noi dovremmo trovare qualcuno rimasto nella “leggenda” per quello che fatto o rappresentato. Sono anche molto interessanti le leggende segnalate da Tatiana, ma sono spesso storie molto locali o, comunque, relative più a un luogo specifico che non a una persona.

Dunque, dei nomi che ho letto nei vostri messaggi, direi che il nostro primo elenco di “papabili” potrebbe comprendere: Cagliostro/Giuseppe Balsamo (il Conte di Saint Germain era un altro); Casanova; Fra’ Diavolo e Federico II di Svevia (Stupor Mundi). Devo confessare, invece, che non ho mai sentito nominare Eusapia Pasubio: chi era (o forse ci si voleva riferire a Eusapia Palladino, la medium dei primi del 900)?

Prima di fare la nostra scelta, però, mi piacerebbe se riuscissimo a tirare fuori altri nomi possibili: e mi piacerebbe anche se chi propone un nuovo nome motivasse la sua scelta, spiegandoci che cosa c’è di misterioso sul suo personaggio che merita approfondimenti. Vi lascio tutta la prossima settimana per fare proposte e poi, da quella seguente, proviamo a tirare le somme, ok?

Per il momento, buon fine settimana!

8 risposte

  1. Vivo in Lucania e qui di leggende su Federico II di Svevia ce ne sono tante, è un personaggio molto presente ancora oggi e i misteri sulla sua vita sono ancora tanti. Misteriose sono le sue tenute di caccia, in realtà dei veri e propri castelli, come quello si Lagopesole, frazione di Avigliano (PZ). In particolare attorno a questo personaggio si “attorcigliano” tante ipotesi, si arriva persino alla presenza (secondo alcuni la nascita) dei templari in Basilicata. Uno studioso (non ricordo il nome) ha addirittura ipotizzato che le storie di Re Artù e i cavalieri della tavola rotonda abbiano orgine proprio qui (la mitica Avalon sarebbe Avigliano).
    In particolare si parla del triangolo dei templari composto dai paesi di Pietrapertosa, Acerenza e Avigliano, tutti in provincia di Potenza.

  2. Ciao Massimo, vorrei segnalare un personaggio leggendario, forse un po’ troppo legato alla mia terra, ma sicuramente avvolto dal mistero.
    Anzi, i personaggi sono due.
    Nel paese di San Pellegrino in Alpe, nei monti Tosco-Emiliani, sono custodite le reliquie di San Pellegrino e di San Bianco. Queste due figure arrivarono al paese (non so dirti con esattezza l’epoca storica, sinceramente non la ricordo) e vennero chiamate uno Pellegrino perché appunto peregrinava per l’italia professando la parola del signore, ed il secondo Bianco per il colore dell’abito. Ma non si sa se anche Bianco fosse un prelato, alcuni dicono fosse semplicemente il servitore di San Pellegrino.
    Questa è la prima leggenda. La seconda leggenda vuole che San Pellegrino altri non sia che il signor “post 120 anni patebo”(ricorderai “Il pendolo di focault”..), risorto dopo i famosi 120 anni e morto in un paesello sperso tra i monti mentre cercava di ricostruire le file dei suoi accoliti….
    Queste leggende le ho letto in un librettino che ho ritrovato nella mia biblioteca (a volte mio padre fa acquisti strani) e che si intitola proprio “Magie e leggende dell’emilia-romagna” (libro nel quale ritroviamo Cagliostro nella grotta di San Leo, tra l’altro).
    Se la leggenda di San Pellegrino può interessare, provvederò a spedirti le due paginette (era veramente un capitolo corto) che ne parlano….

  3. ciao Massimo,
finalmente ho trovato!
Direi che la figura di Lucrezia Borgia é una tra le piu controversie della nostra storia, quindi direi che sarebbe molto interessante indagare su di essa :)
ciao
Tatiana

  4. Più che un personaggio volevo proporre un “metodo” rifacendomi agli esempi esteri che hai citato nel primo post:
    – Re Artù: mitico fondatore di un regno; potrebbe essere Romolo (ma si è scritto molto) o qualche re medievale (Federico II?)
    – Robin Hood: brigante buono; Fra’Diavolo? eroi del Risorgimento? Capitani di ventura?
    – Dracula: cattiveria e perfidia: Lucrezia Borgia? Inquisizione?

  5. Ho altre due proposte: Michele Scoto astronomo di corte di Federico II e Raimondo De Sangro principe di San Severo.
    Corrispondono alle caratteristiche che cerchiamo?
    Fatemi sapere…

  6. ciao Massimo,
che ne dici di Rodolfo Valentino, ti dico lui perché come Casanova mi attira la sua storia … :)
ciao
Tatiana

  7. Un personaggio che, secondo me, meriterebbe un approfondimento potrebbe essere Stefano Pelloni detto “il Passatore”, secondo alcuni il “Robin Hood della Romagna”, secondo altri feroce bandito.
    Su di lui è stato scritto molto e ancor di più si è narrato, però è molto difficile definire quanto sia storia e quanto leggenda.
    Per chi non conoscesse la leggenda del Passatore un buon inizio può essere la lettura di: http://www.piadinaonline.com/piadinaonline/passatore.htm . Una breve scheda anche su wikipedia: http://it.wikipedia.org/wiki/Il_Passatore dove viene segnalata anche la possibile parentela con la Carrà (sic).

    Ciao, gabriele

  8. Sicuramente più contemporaneo dei personaggi finora individuati. Ma Gustavo Roll, il medium torinese che diventò punto di riferimento dell’alta borghesia piemontese e non solo, rimane comunque una figura sia controversa che non ancora interamente indagata, malgrado il lavoro di Tomatis del Cicap. Forse non rientra nell’idea di partenza, forse buona per un’altra occasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*