Categorie

11/9 La cospirazione impossibile

Le torri del World Trade Center sono state demolite con gli esplosivi? Il buco al Pentagono era troppo piccolo per la collisione di un aereo di linea? I dirottatori non erano in grado di pilotare dei jet? Insomma: davvero la versione ufficiale sugli attentati dell’11 settembre nasconde una gigantesca cospirazione?

Edizioni Piemme, 2007. 368 pag. brossura, €17,50

Nonostante le bugie accertate della cosiddetta “guerra al terrore”, e sebbene alcuni aspetti di quella tragedia debbano essere ulteriormente chiariti, la documentata ricerca di importanti esperti italiani e USA evidenzia come molte delle tesi dei “complottisti” possono forse essere affascinanti, ma non reggono a un’analisi oggettiva dei fatti. Per estremo paradosso, il mantra della cospirazione si fonda su un’immotivata idealizzazione dell’infallibilità americana.

LEGGI LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO A FIRMA DI UMBERTO ECO

GUARDA TUTTE LE FOTOGRAFIE A COLORI DEL LIBRO (messe a disposizione da Paolo Attivissimo e dal gruppo Undicisettembre)

LEGGI UNA PRESENTAZIONE DEL LIBRO A CURA DI PAOLO ATTIVISSIMO

 

LO HANNO RECENSITO TRA GLI ALTRI:

Carlo Silini: “11/9: tutti gli errori dei complottisti”, Corriere del Ticino, 5 settembre 2007.

Pierluigi Battista: “La tenacia degli smontatori sgretola le invenzioni della setta complottista”, Corriere della sera, 10 settembre 2007.

Ansa.it: “La cospirazione impossibile di Massimo Polidoro”, 17 settembre 2007.

Umberto Eco: “Dov’è la gola profonda?”, l’Espresso, 26 ottobre 2007.

6 risposte su “11/9 La cospirazione impossibile”

Gentile Massimo solo ora mi accorgo della risposta.
Conosco il blog di Attivissimo e continuo a soprendermi che voi che vi circondate di gente straordinaria – te stesso, Tomatis, Garlaschelli. Angela ecc. – prendiate per buona l’arroganza e il sarcasmo di Paolo.

Ma va bene sono affari vostri. Per quanto riguarda avere dubbi, mi spiace ma non ce ne sono, è talmente e SEMPLICEMENTE evidente dai VIDEO e non dai rapporti – ufficiali o meno . che gli edifici crollano per una demolizione che è SCIOCCO rimandare alle ricerche o alle conclusioni degli studiosi. Queste possono aiutare, certo ma non si deve distogliere l’attenzione dal fatto così come è successo e come ci viene ‘riferito’ dalle centinaia di video riprese.

Scrive: Aldo Grano. ”Difficilissimo è produrre una analisi che sia credibile scientificamente per dimostrare o escludere definitivamente il complotto”

Ti sbagli Aldo! E’ facilissimo, tutto il presunto giallo dell’11 9 che sembrerebbe di competenza di una cerchia strettissima di esperti non richiede invece nè una preparazione scientifica nè un’analisi finale fatta di complicati calcoli.

Il banale CONFRONTO E COMPARAZIONE (nel video postato qui nel primo intervento) con le demolizioni controllate esclude ogni dubbio.

Quindi se anche vedere i crolli nella loro interezza è INFORMAZIONE anche la trasmissione vergognosa di ieri sera di Alberto A. per esempio non informa in nulla sull’ 11 9.

Un’informazione rigorosa richiede che si vedano – RIPETO, INNANZITUTTO – al rallentatore i crolli e si faccia una semplice comparazione video con le demolizioni controllate.

L’11 9 è l’evento più FILMATO della storia, sembra persino incredibile che per via di un assunto iniziale – attentato a tutti i costi e facilità della mente umana al complotto – persone di brillante intelligenza come Massimo non riescano ad OSSERVARE con oggettività I VIDEO e non tesi di fantomatici esperti.

Se osservando un evento che sembrerebbe appartenere a una nuova categoria mai successa (crollo per aereo) , si vedono tutte le caratteristiche di UN EVENTO VECCHIO (e cioè di una demolizione: rapidità, simmetria, sbuffi, esplosioni verso l’alto, polverizzazione, collasso totale, ec) l’evento a pieno diritto rientra nella categoria EVENTO VECCHIO. A meno che un caso PAZZESCO non voglia che in 3 casi completamente diversi si producano i medesime effetti della più studiata delle demolizioni.

Se volete essere OTTIMI INVESTIGATORI della realtà e non solo del presunto paranormale bisogna APRIRE gli occhi. E non serve che ve lo dica visto che fate i corsi per investigatori del mistero, no? Lì infatti sicuramente insegnate DOVE GUARDARE.

Invece date l’impressione che l’assunto teorico iniziale del Cicap – evento grande, grande paranoia collettiva in direzione della dietrologia – impedisca e offuschi totalmente la semplice VISIONE dell’evento! E’ tutto lì, ancora oggi dopo 10 anni, la soluzione dell’enigma è lì davanti ai nostri occhi…..se aperti!

Saluti e ancora grazie dell’ospitalità!

Premesso che questa è una delle volte (non rare, ma nemmeno frequentissime) in cui mi trovo quasi completamente d’ accordo con l’ analisi di Massimo, l’ 11 Settembre è un evento non semplice da analizzare nei suoi svolgimenti per la mancanza di altri avvenimenti simili nella Storia. E’ facile giocare in difesa, coi soli ragionamenti, come qui fa Lippo, ma anche come fa chi smonta le teorie del complotto.Difficilissimo è produrre una analisi che sia credibile scientificamente per dimostrare o escludere definitivamente il complotto. Lo svolgimento, le coincidenze, la “diabolica” scomparsa di tutte le casualità che di norma fanno fallire attentati con obiettivi così ambiziosi, ma portati avanti con così pochi mezzi, farebbe gridare al complotto anche se non si trattasse di un colpo maestro portato ad uno degli Idoli più potenti della nostra epoca: l’ invincibilità degli USA. Peccato per l’ audio difettoso del video, che viene rimandato su You Tube.

Certo che ci vuole parecchia immaginazione nel credere che 3 torri su 3 implodano in perfetta verticale in poche manciate di secondi e dopo aver subito 3 diverse tipologie di danni…

In tal caso le migliori aziende di demolizione, che impiegano settimane (se non mesi) a preparare un edificio non hanno capito proprio nulla. Basta lanciare un boing in rottamazione verso “qualche parte” dell’edificio da demolire, attendere qualche ora: et voila, il gioco è fatto!

Ho letto anche il libro di attivissimo: la versione “ufficiale” risulta più strana delle versioni alternative!
Cose da pazzi!

@Pierluigi: Visto che la trattazione di questo argomento nel libro di cui si parla in questa pagina occupa molte pagine, sarebbe impossibile ripetere tutto qui; pertanto, ti invito a leggere quello che scriviamo. Se dopo avrai ancora dubbi, è molto probabile che troverai risposte dettagliate a quello che ancora non ti convince nell’ottimo blog di Paolo Attivissimo: http://undicisettembre.blogspot.com.

Gentile Massimo a 6: 45 dici che le demolizioni controllate partono tutte dal basso. Non è vero:

http://www.youtube.com/watch?v=tRecwsDXF7Q&feature=related

Se parlate di demolizioni dovete essere precisi.

Poi: devo dire che siete straordinari in generale come scovatrucchi ma è paradossale che proprio voi che ci avete insegnato a non fidarci dell’apparenza, a guardare con attenzione oltre ciò che sembra,proprio voi che avete trovato l’inganno anche nei casi apparentemente più genuini……..cadiate come ragazzini sulla demolizione del Wtc!

Qui non c’entra l’inganno psicologico del complottismo, quasi fosse un preconcetto o pregiudizio. Il complottismo sull’11 9 è una conseguenza, quantomeno di 3 CROLLI IMPOSSIBILI. o meglio possibili con esplosivi di cui c’è tutta l’evidenza (negli sbuffi e nella sequenza di scoppi che si vede frame by frame) e confermati da testimonianze di persone che erano dentro.

Perchè non facciamo un bel articolo sulla rivista Magia? L’11 settembre E L’ILLUSIONISMO.

Infatti gli artefici dell’11 9 hanno usato tutte le tecniche note ai prestigiatori.
Distrazione, misdirection, falsi rapporti causa effetto, bombardamento ‘logico’ e persuasione.

Inutile che vi spieghi come si svolge un gioco di prestigio: sapete infatti che è fondamentale la distrazione operata DALLE PAROLE del prestigiatore che fa credere che stia succedendo un evento quando ne sta succedendo un ALTRO COMPLETAMENTE DIVERSO.

Il crollo delle TRE TORRI e’ molto più facile da comprendere con gli esposivi (CHE peraltro SI VEDONO CHIARAMENTE).
E’ come una levitazione della donna: è molto più facile spiegarlo con un’apparecchiatura occulta che con un’impossibile violazione della forza di gravità dovuta ad improbabile trance della donna stessa!!!!

Come sarebbe possibile infatti che DANNI DIVERSI, in PUNTI DIVERSI, per INCIDENTI DIVERSI (wtc7) PRODUCONO IN 3 CASI LO STESSO IDENTICO EFFETTO DELLA PIU’ PREPARATA DELLE DEMOLIZIONI? Crollo rapidissimo, totale, sulla perfetta verticale, senza piombare addosso agli altri grattacieli cosìccome deve essere una demiolizione controllata? MOLTO MA MOLTO IMPROBABILE!!!

esattamente come e’ molto più probabile che il sensitivo Rol fosse un abile prestigiatore piuttosto che un essere capace di violare le leggi della fisica.

Veramente trovo incredibile che voi che non ne avete lasciata passare (giustamente) una a sedicenti maghi, sensitivi, occultisti, spiritisti bla bla di fronte all’improbabile disintegrazione di grattacieli d’acciaio: diciate: SI! TUTTO OK! E’ così come appare!!!!

Ragazzi, proprio voi…proprio voi!!! I mitici trickbusters vi siete lasciare giocare su un trucco portato certamente fuori dal palcoscenico e dai salotti….non solo perchè è DURA da accettare una criminale verità simile…ma anche perchè ci hanno presi in giro.
E forse questa anche per voi è la cosa più difficile da accettare….esserci caduti.
Ma ammetterlo è meno vergognoso che arrampicarsi sugli specchi di improbabili tendenze paranoiche al complotto. Ripeto: il complotto è la conclusione ( e non il pregiudizio) che emerge dall’evidenza che 3 grattacieli non si disintegrano in 20 secondi!
Ci hanno incantato come fanno i prestigiatori, ci hanno presi di sorpresa, non ci hanno lasciato il tempo di pensarci (per l’enormità della tragedia) e ci hanno lasciati andare con la convinzione che fosse tutto vero….

E anche voi i maestri dell’illusionismo un giorno vi libererete dall’incanto, e dal sogno dell’impossibile verità dell’attentato dell11 settembre.

Grazie per l’ospitalità!