Categorie
Blog Misteri?

Indagine sull’icona ortodossa che “piangeva” lacrime

Da un quadro con un ritratto della Madonna, in una chiesetta ortodossa di Milano, sembrano scendere lacrime.

icona ortodossa San Nicola milano CICAP Massimo Polidoro Mistero

Qualcuno grida al prodigio e mi si chiede se sono interessato a indagare. Ovviamente sì! Ecco come andò…

Categorie
Blog Misteri?

“The Case of the Weeping Icon” è ora online

Il mio resoconto sull’icona ortodossa piangente, di cui ho parlato tempo fa a “Mistero”, è ora online nella versione inglese per la rivista americana The Skeptical Inquirer.

Categorie
Blog Misteri?

Icona piangente: terminate le analisi

L'icona di una Chiesa ortodossa a Milano sembra piangere e "Mistero" chiede al CICAP di indagare (nella foto, da sinistra: Daniele Bossari, Massimo Polidoro e l'Arcivescovo Avondios).

Ricordate il caso dell’icona russa che piangeva nella chiesa ortodossa di San Nicola a Milano? Prima dell’estate ero stato chiamato dalla produzione di “Mistero” per osservare insieme il fenomeno e condurre un’indagine. In quell’occasione prelevai alcune tracce di presunte lacrime e poi passai i campioni a Garlaschelli per le analisi di laboratorio. Ora le analisi sono terminate e proprio ieri abbiamo registrato la puntata di “Mistero” in cui ne parliamo. Il servizio dovrebbe andare in onda tra due domeniche, dunque a breve conoscerete il risultato dei nostri test.

Categorie
Blog Misteri?

Indagine per “Mistero” su un’icona piangente

L'icona di una Chiesa ortodossa a Milano sembra piangere e "Mistero" chiede al CICAP di indagare (nella foto, da sinistra: Daniele Bossari, Massimo Polidoro e l'Arcivescovo Avondios).

Da “Mistero” mi è arrivata la richiesta di osservare insieme un’icona della Madonna nella Chiesa ortodossa di San Nicola, in via San Gregorio a Milano, che ultimamente ha fatto notizia perché si diceva avesse pianto. Così, questa mattina, con il conduttore Daniele Bossari e la troupe, e grazie alla generosa disponibilità dell’Arcivescovo Avondios, abbiamo osservato da vicino l’oggetto e ho anche potuto raccogliere qualche campione di quel che restava delle gocce presenti sul dipinto.