Categorie
Blog Bufale Enigma Misteri? Storia insolita Strane Storie YouTube

AUTOCOMBUSTIONE: UN MISTERO IN CENERE

AUTOCOMBUSTIONE: esiste per davvero questo fenomeno? Un corpo umano può prendere fuoco all’improvviso? È ciò che cercheremo di capire nel nuovo episodio di Strane Storie, la mia serie settimanale su YouTube:

Se non l’hai già fatto, ti invito a iscriverti al mio canale per non perdere i prossimi episodi:

ISCRIVITI AL MIO CANALE YOUTUBE

Categorie
Blog Enigma L’esploratore dell’Insolito Misteri? Strane Storie YouTube

Il Mostro di Flatwoods: un caso risolto – Ne parliamo a Strane Storie

Il Mostro di Flatwoods: che cos’è la misteriosa creatura che videro tre ragazzi a Flatwoods nel 1952? Un mostro extraterrestre? Scopriamolo insieme nel nuovo episodio di Strane Storie, la mia serie settimanale su YouTube:

Se non l’hai già fatto, ti invito a iscriverti al mio canale per non perdere i prossimi episodi:

ISCRIVITI AL MIO CANALE YOUTUBE

Categorie
Blog

Le 5 caratteristiche dell’investigatore di misteri ideale

Joe Nickell è un investigatore di misteri, responsabile delle indagini dell’americano CSI, oltre che un caro amico.

Massimo Polidoro e Joe Nickell di fronte alla tomba della regina del voodoo Marie Laveau a New Orleans.
Massimo Polidoro e Joe Nickell di fronte alla tomba della regina del voodoo Marie Laveau a New Orleans.

In una delle nostra tante conversazioni gli ho chiesto quali fossero, secondo lui, le caratteristiche dell’indagatore di misteri ideale. Mi ha risposto che sono 5…

Categorie
Blog Mete mysteriose Misteri?

La maledizione di Oak Island: l’isola del mistero

Secondo una leggenda, in un profondo pozzo di Oask Island, un’isoletta della Nova Scotia, sarebbe nascosto un tesoro di pirati.

Oak Island

Varie spedizioni sono state tentate per trovare il tesoro, e diverse persone hanno perso la vita provandoci, ma nessuno ci è mai riuscito. Esiste realmente il tesoro di Oak Island?

Categorie
Blog Misteri?

Le linee di Nazca: un “culto del cargo”?

Durante la seconda guerra mondiale, aerei merci americani scaricavano sulle isole del Pacifico cibo, indumenti, tende e attrezzi per rifornire i soldati. Alla fine della guerra, gli isolani che avevano in parte beneficiato di quei doni tentarono di fare tornare gli aerei (i cargo), costruendo false piste d’atterraggio, aerei di bambù e aeroporti di cocco e paglia. Questa forma di rituale magico-religioso prese il nome di “Culto del cargo” (cargo cult).

Ebbene, secondo alcuni l’idea del cargo cult spiegherebbe anche i celebri disegni di Nazca, in Perù. Le lunghissime linee e i giganteschi disegni di animali sarebbero infatti, secondo costoro, un tentativo degli antichi peruviani di fare tornare “astronauti preistorici” con i loro doni. Alcuni invece  ritengono che sarebbero stati gli stessi astronauti, evidentemente extraterrestri, a tracciare i disegni, visibili solo dall’alto.

Categorie
Blog Misteri? Notizie

La misteriosa scala di Santa Fe su “Focus”

La storia della misteriosa scala a chiocciola in una cappella di Santa Fe che sembra reggersi senza quasi sostegni. Non ha chiodi e il legno è sconosciuto: una leggenda sostiene che l’avrebbe costruita nientemeno che San Giuseppe… Un esame di questa leggenda, che da tempo circola sul web anche sotto forma catena di Sant’Antonio in versione Power Point, e le possibili spiegazioni al mistero in un mio articolo sul nuovo numero di Focus (230, dicembre 2011).

Categorie
Blog

CSIcon: inizia il Convegno americano

Sono nella “Big Easy”, New Orleans. Dopo qualche giorno passato a Dallas, tra un esame metro per metro della Dealey Plaza e un incontro con Chuck Palahniuk (vi racconterò poi tutto al mio rientro), sono ora qui per il CSIcon che inizia domani. E apriremo proprio con un incontro dedicato agli “Investigatori” di misteri, con Joe Nickell, il sottoscritto e altri amici. Da domani (oggi per voi che leggete) cercherò anche di raccontare un po’ quello che avviene qui attraverso il mio canale di Twitter (se non vi siete ancora iscritti… è il momento giusto per farlo). Naturalmente ci sarà anche Randi e avrà sicuramente tante cose interessanti da raccontare. Ci sentiamo più tardi.