Case stregate: psicologia del terrore istantaneo

Come si spiega l’eterno successo nei luna park di due attrazioni così diverse come le montagne russe e la casa stregata? Entrambe giocano con i nostri sensi e sfruttano colpi a sorpresa per stupirci, ma soprattutto condividono la stessa paura di base: la perdita del controllo.

Il piacere di farsi spaventare: dove nasce?

Come mai i film dell’orrore o i romanzi di paura di Stephen King ottengono sempre un enorme successo? E perché nei luna park le attrazioni più visitate sono le montagne russe e le case stregate? In altre parole, perché ci piace così tanto essere spaventati? Ecco le risposte che ho trovato…

Houdini, Doyle e il caso di “Jack il saltatore”

Sta per arrivare la serie inglese dedicata alle avventure soprannaturali (e del tutto fantasiose) di due indagatori d’eccezione: il mago Houdini e Sir Arthur Conan Doyle. https://youtu.be/4pSa3biSpbA Finalmente, è qui il primo trailer e, da quel poco che si intuisce, la mia ipotesi è che il duo si troverà a indagare su Spring Heeled Jack. Sapete di […]

I luoghi della paura: sulle orme di Dario Argento

Immaginate di ripercorrere la strada che porta alla Villa del “bambino urlante” o di ritrovare l’Accademia di danza di Friburgo, sede occulta del sabba delle streghe… Ora lo potete fare davvero, visto che queste sono solo due delle decine di “location” da brividi rintracciate con precisione certosina in Dario Argento, si gira!

Irresistibilmente attratti dalla paura

Perchè Massimo Polidoro, che conoscevamo come l’indagatore italiano dell’occulto, passa dall’inchiesta sul «paranormale» a quella sul «normale» per quanto patologico e spaventoso esso sia?

«Perché più che uno studioso del paranormale, mi definirei un curioso dell’insolito: insolito che può riguardare tanto fenomeni ritenuti paranormali, ma che magari poi hanno spiegazioni naturali (non meno affascinanti), quanto episodi storici avvolti nel mistero. Devo dire che dopo avere trascorso diversi anni a studiare il mondo del paranormale, e trovandomi sempre di fronte all’impossibilità di assistere a un autentico fenomeno, ho deciso di allargare i miei interessi anche a misteri che non avessero niente di soprannaturale, che richiedessero comunque fiuto investigativo ma che, alla fine, potessero anche dare una qualche risposta. E poi, spesso i casi di cronaca nera oltre che presentare aspetti misteriosi hanno stretti legami con il mondo dell’occulto: penso alla vicenda del Mostro di Firenze, di cui mi occupo ampiamente nel libro….