Categorie
Blog Bufale Complotti e cospirazioni Storia insolita Strane Storie YouTube

IL MISTERO DELLA TERRA… CAVA! Un mondo sotterraneo?

E se sotto la sua superficie la Terra non fosse piena, come abbiamo sempre creduto, ma fosse cava e nascondesse un mondo sotterraneo? Pronti a entrare fino al centro della terra? Ecco il nuovo episodio di Strane Storie, la mia serie settimanale su YouTube:

Se non l’hai già fatto, ti invito a iscriverti al mio canale per non perdere i prossimi episodi:

ISCRIVITI AL MIO CANALE YOUTUBE

Categorie
Blog Misteri?

E se la terra fosse cava al centro?

Un fotomontaggio che mostra come potrebbe essere la Terra se fosse cava al suo interno. Chiedersi chi o che cosa si nasconde al centro della Terra è una domanda che a lungo ha intrigato i nostri antenati. Oggi sappiamo che sotto la superficie terrestre ci sono rocce di diversa composizione e solidità, e che più a fondo si va, più la temperatura si alza, fino a raggiungere i 5.000 gradi. Condizioni assolutamente proibitive per qualunque forma di vita. Ma se per un momento si dimenticano le scoperte della geofisica e si ritorna indietro nel tempo, ci si accorge che chiedersi quali meraviglie, quali mondi o quali popoli straordinari si nascondessero nelle viscere della Terra non era poi tanto assurdo. Al punto che ancora oggi c’è qualcuno che si fa questo tipo di domande e addirittura lancia spedizioni per trovare l’ingresso alla cavità interna. A che cosa crederanno realmente?

Categorie
Blog Complotti e cospirazioni Misteri? Notizie

Il Dna di Hitler nascosto in Antartide? Ne scrivo su “Oggi”…

Una base segreta nazista in Antartide?

 

«Alla ricerca del Dna di Hitler nell’Antartide. E’ questa la bizzarra notizia lanciata dal quotidiano russo “Ria Novosti” e ripresa in tutto il mondo dopo che gli scienziati hanno raggiunto nei giorni scorsi il misterioso lago Vostok. Sembra l’ennesima bufala, ma la voce secondo cui Hitler non si suicidò nel suo bunker di Berlino nel maggio 1945, ma riuscì a fuggire in una base nazista segreta al Polo Sud, si diffuse già all’indomani della fine della guerra e sopravisse poi per anni…»