Un libro può cambiare la vita? Così è successo a me…

Quand’ero un ragazzino, leggevo qualunque cosa parlasse di misteri: fantasmi, dischi volanti, telepatia… sembrava tutto molto affascinante, ma poco convincente.

Piero Angela e Massimo Polidoro: "Viaggio nel mondo del paranormale"

 

Poi lessi un libro che mi ha letteralmente cambiato la vita: si intitolava Viaggio nel mondo del paranormale” e l’aveva scritto Piero Angela

Ieri sera ho preso parte all’iniziativa di #ioleggoperché organizzata in piazza Gae Aulenti, a Milano, dove ho raccontato il libro che mi ha cambiato la vita. Per chi non c’era, ecco il testo del mio intervento:

Mi chiamo Massimo Polidoro, sono uno scrittore e dirigo il CICAP, l’associazione che indaga sui presunti misteri.

Quand’ero un ragazzino, leggevo qualunque cosa parlasse di misteri: fantasmi, dischi volanti, telepatia… sembrava tutto molto affascinante, ma poco convincente. Poi lessi un libro che mi ha letteralmente cambiato la vita: si intitolava Viaggio nel mondo del paranormale e l’aveva scritto Piero Angela.

Mi aprì gli occhi perché mi aiutò a capire che tutti quei fenomeni fantastici che tanto mi incantavano non erano mai stati verificati e che un conto è credere a qualcosa, un altro è poterla dimostrare. Soprattutto, mi insegnò un metodo concreto per interpretare e capire la realtà: il metodo scientifico, che significa semplicemente che di fronte a un fenomeno che vogliamo spiegare bisogna valutarne le prove tangibili, mentre non serve a nulla inventare teorie fantasiose, ma campate per aria.

Sarebbe bastato già questo, ma poi ho scritto una lettera a Piero Angela e lui mi ha risposto. Nel giro di poco ci siamo conosciuti e mi ha fatto una proposta che, come dicevo, mi ha cambiato la vita: mi ha dato la possibilità di andare negli Stati Uniti e diventare l’apprendista del più famoso illusionista e indagatore di misteri del mondo, James Randi, una sorta di moderno Houdini.

Da allora, grazie a quel libro e all’entusiasmo che ha scatenato in me, ho potuto trasformare quella che era solo una grande passione per i misteri nel mio lavoro quotidiano. Infatti, non solo ho la possibilità di indagare su tutto ciò che sembra misterioso, ma ne scrivo nei miei libri e qualche volta mi diverto anche a inventare dei misteri per i miei romanzi.

E dunque, se un ragazzino di provincia come me ha potuto coronare i suoi sogni è solo grazie al fatto di avere trovato un libro che gli ha aperto una porta sul futuro. Ed è lo stesso augurio che rivolgo a tutti voi.

(Nella foto che trovate in apertura, è possibile vedere sia la copertina del libro che la foto che Randi ha scattato la sera in cui Piero Angela mi ha proposto di andare negli Stati Uniti. Era una Polaroid e con il pennarello avevo scritto la data: 20 novembre 1988).

E tu hai mai letto il libro di Piero Angela? È stato anche per te una rivelazione? Oppure c’è un altro libro per te importante che ti ha aperto gli occhi su qualcosa? Raccontamelo qui sotto.

 


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai i miei ebook e i miei video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. Rivelazioni e Il tesoro di Leonardo sono i suoi libri più recenti. Il suo primo thriller è Il passato è una bestia feroce. Si può seguire Massimo Polidoro anche su FacebookTwitterGoogle+ e attraverso la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive).




3 Comments

  1. Conservo anch’ io ho un bellissimo ricordo legato alla lettura di questo libro. Ero adolescente e lo lessi durante un fresco settembre di qualche anno fa.

  2. Credo sia un elemento comune per i soci attivi della nostra generazione… 😀

  3. Anch’io ho letto il libro di Angela e mi ha cambiato la vita, non in modo così drastico, ma mi ha fatto diventare un socio attivo del CICAP 😉

Lascia un commento

*