Le stigmate sono segni sanguinanti che si dice comparirebbero in modo misterioso sul palmo delle mani, sui piedi, talvolta sulla fronte e al costato di alcuni “mistici”.

San Francesco riceve le stimmate

Tali segni indicherebbero che chi le porta partecipa della passione di Cristo al punto da mostrarne perfino gli stessi traumi fisici. Domani il CICAP partecipa a un programma in TV sul tema: per l’occasione, ecco la posizione della scienza.

Luigi Garlaschelli del CICAP dimostra come è possibile procurarsi in maniera artificiale le "stigmate".
Luigi Garlaschelli del CICAP dimostra come è possibile procurarsi in maniera artificiale le “stigmate”.

Le stigmate sono un fenomeno che dipende dalla tradizione culturale di chi le porta. Non sono noti esempi di stigmatizzati non cristiani, per esempio. Si diffusero solo dopo San Francesco, primo stigmatizzato della storia, che le mostrò dal 1224. I segni dei chiodi nelle mani, inoltre, sono nelle posizioni in cui li raffigura l’iconografia tradizionale, ovvero al centro del palmo, e non – come pare si usasse invece all’epoca di Cristo – nel polso.

Non si è nemmeno sicuri di come esattamente il fenomeno insorgerebbe. Non si hanno casi attendibili in cui scienziati abbiano assistito alla comparsa delle stigmate in formazione, né sono mai state eseguite osservazioni rigorose e ininterrotte per stabilire se esse scomparivano naturalmente dopo un certo tempo.

Per spiegarle, oltre all’ipotesi del fenomeno soprannaturale, sono state avanzate alcune congetture:

  1. Affezione dermatologica, fraintesa da soggetti predisposti a interpretarla come segno soprannaturale.
  2. Fenomeno psicosomatico: nelle personalità isteriche è comune la comparsa di disturbi e ferite indotte sul corpo dalla psiche. Poiché esistono tratti di personalità simili tra molti mistici e gli isterici, anche per le stigmate potrebbe trattarsi di fenomeni dovuti a suggestione o ad autosuggestione. Inoltre, nonostante ogni tanto si legga il contrario, non è mai stato possibile provocare le stigmate tramite l’ipnosi.
  3. Lesioni autoinferte più o meno consapevolmente: il mistico si può provocare lesioni ai palmi durante un periodo di estasi, a volte semplicemente scavando la pelle con le unghie; altre volte, si è scoperto invece trattarsi di frode deliberata a scopo di fama, lucro, o per una malintesa interpretazione del significato della fede.

L’appuntamento televisivo con il CICAP è previsto per martedì 28 aprile 2015 (Rete 4, “Sulla via dei miracoli”, ore 21.30): Luigi Garlaschelli  dimostrerà come è possibile riprodurle in maniera artificiale, e Armando De Vincentiis interverrà sulla fenomenologia stigmatica dal punto di vista antropologico e psicosomatico.


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai i miei ebook e i miei video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. Rivelazioni e Il tesoro di Leonardo sono i suoi libri più recenti. Il suo primo thriller è Il passato è una bestia feroce. Si può seguire Massimo Polidoro anche su FacebookTwitterGoogle+ e attraverso la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive).


11 risposte

  1. ”… le stimmate appaiono dopo che lo lo stimmatizzato ha accettato l’ offerta da parte di Gesù di poter partecipare alla Sua Passione…”

    Detta così sembra una semplice pratica burocratica. Ma con queste frasette precisine non si spiega proprio nulla.

  2. In realtà ci hanno provato a studiarle, ma pare che, sia la Chiesa, sia i portatori di stigmate siano realmente poco propensi a dimostrare che le lesioni non sono autoprocurate auto-mantenute, come nel caso di Padre Pio, che lo stesso Padre Agostino Gemelli denunciò al Sant’Uffizio. Evidentemente conviene di più mantenere un’aura di mistero in cui i fedelo più creduloni possano rifugiarsi, che prestarsi a confermare/smentire in modo più attendibile simili fenomeni.
    Pare che Gesù Cristo si sia prestato a liberare Tommaso da ogni scetticismo, mentre i suoi seguaci preferiscono inculcare la beatitudine a priori.

    1. Esatto. Riporto la mia esperienza personale avendo discusso con il compianto interessato: l’antropologo A.M.Di Nola chiese più volte tra la fine degli anni 50 e l’inizio sei 60 di poter incontrare padre Pio (di cui già A.Gemelli dichiarò la patologia isterica) ma la chiesa oppose sempre un netto rifiuto. Quando, ad esempio, si parla di “miracoli” (e si deve notare che il numero decresce costantemente nel XX sec.) i medici che certificano sono tutti interni alla cerchia cattolica. Esiste dunque una medicina che piega la “remissione spontanea” all’interno della dicitura “non spiegabile dalla scienza”. Si tratta di grave malafede, ma gli affari miliardari e soprattutto spettacolari in direzione del “consenso”, in luoghi come Lourdes o Fatima (e altri), giustificano ampiamente questa prassi, ovvero “pia fraus ad maiorem dei gloriam”.

      1. “(e si deve notare che il numero decresce costantemente nel XX sec.)” Caro PiK, Ti dispiacerebbe linkare un serio articolo di ricerca statistica a supporto di codesta Tua affermazione? Non posso crederTi sulla Tua parola, sarebbe un volerTi accusare di abuso della credulità popolare.

        1. https://it.wikipedia.org/wiki/Miracoli_di_Lourdes

          Abitualmente non cito wiki, specialmente quella in italiano e ancor più per le pagine su questioni religiose\cattoliche che quando va bene fluttuano tra l’omissione e l’omertà. Lo faccio per comodità perché il richiamo è solo ed esclusivamente alla cronologia della tabella.

          La tabella mostra il numero dei miracoli riconosciuti (69) nel più celebre dei luoghi mariani e anche un bimbo osservando le date a sinistra può constatare la densità (facilmente comprensibile) degli anni lontani e la rarefazione imbarazzante negli anni 60,70 e 80…
          Ne deduciamo:
          a) la bella signora deve essersi stancata…
          b) signora mia non ci sono più i fedeli di una volta!
          c) mannaggia ar diavoletto….
          d) la cialtroneria dei medici “incaricati” è sottoposta a verifiche sempre più stringenti dalla medicina degli ultimi 50 (e sarà sempre più dura)

      2. “i medici che certificano sono tutti interni alla cerchia cattolica”
        Non è così.Ad esempio, il futuro premio Nobel per la medicina ,Alexis Carrel, allora non cattolico, constatò a Lourdes la guarigione improvvisa e inspiegabile scientificamente di una donna affetta da peritonite tubercolare all’ultimo stadio.

    1. Caro Simone, la stragrande maggioranza degli stimmatizzati non nasce tale, come Padre Pio, del resto. L’ anno scorso nacque nell’ ospedale di Luzon Jejomar Castillo, con qualcosa che assomiglia a stimmate, ma non dolorose e perforanti. Il medico avrebbe classificato il tutto come una sindrome rarissima, ma comunque già classificata, per quanto non compresa, da quello che la Scienza Medica chiama Eziologia e Terapia. Impossibile avere riscontri affidabili sul web, dove non mancano smentite e accuse di falso. Come studioso dilettante del fenomeno e credulone, se questo è il senso della domanda, devo risponderTi che non mi risulta nella Storia del Cristianesimo un mistico storicamente documentato che abbia ricevuto le stimmate prima dei 20 anni.

  3. ” Le stigmate sono un fenomeno che dipende dalla tradizione culturale di chi le porta. Non sono noti esempi di stigmatizzati non cristiani, per esempio. Si diffusero solo dopo San Francesco, primo stigmatizzato della storia, che le mostrò dal 1224.” Cosa intendi? Poiché, normalmente, le stimmate appaiono dopo che lo lo stimmatizzato ha accettato l’ offerta da parte di Gesù di poter partecipare alla Sua Passione, allo scopo di salvare più anime possibile (ovvero chi porta le Stimmate per lunghi periodi, e quindi viene controllato da equipes mediche, è già un Veggente, sempre nella maggioranza dei casi) è ovvio che chi porta le Stimmate sia Cristiano. Le stimmate sono il punto di arrivo, non di partenza, della vita Mistica. Comunque la Tu affermazione non è del tutto esatta. Anche nella tradizione Musulmana, se non le Stimmate, esistono le Emografie, ovvero la comparsa sul corpo di Sure del Corano impresse con lesioni della pelle. E’ anche questo è ovvio, perché Dio si esprime ai Musulmani prevalentemente tramite la Parola, Hadith. Questo caso di emografia su un bambino Daghestano è tra i più facili da reperire in rete. In ogni caso è una tradizione statisticamente alta, in Mondo Musulmano, quanto le Stimmate lo sono in ambito Cristiano.Anche loro hanno casi di impressione permanente, per tutta la vita, o temporanee, come questo bambino. E uno Scettico non può appellarsi a ragionamenti di questo tipo, che sottintendono quasi una prova che si tratti di credenze che si materializzano. Deve studiare caso per caso. http://abseazlm.hubpages.com/hub/Ali-Yakubov-2” Perché poi, Ti senmbra strano che abbiamo degli Stimmatizzati solo dopo Francesco di Assisi? (A parte che , a essere pignoli, è probabile che anche S. Paolo abbia avuto un segno della Passione di Cristo, come testimonia in una delle sue Lettere). A me sembra strano che non Vi siate mai messi di impegno a studiarne uno, coi tanti tanti stimmatizzati che ci sono in Italia, pubblicandone una spiegazione scientificamente valida o legalmente probante la truffa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*