Un caffè tra… Leopardi, Hitchcock, Leonardo e Margherita Hack

Nel nuovo episodio del mio podcast, Un caffè con Massimo, approfitto del mio recente viaggio a Recanati per ricordare Leopardi e il suo scetticismo verso i fenomeni occulti.

podcast7

E poi ancora Alfred Hitchcock, Margherita Hack, un consiglio creativo da Leonardo Da Vinci e altri gialli e misteri… Pronti a prendere il nostro caffè?

Come ogni sabato mattina, ci ritroviamo nel nostro localino preferito per due chiacchiere davanti a un caffè.

E poi condivido con te le cose più intriganti che mi è capitato di leggere, ascoltare o vedere nel corso della settimana, sperando possano darti spunti utili.

Ascolta adesso la settima puntata:

Oppure, se vuoi, iscriviti su iTunes: lascia magari un voto e, se ti va, un commento.

Gli iscritti alla mia newsletter, poi, hanno anche un vantaggio in più: ricevono infatti la puntata direttamente sulla casella di posta, ogni sabato mattina, insieme ai link per approfondire gli argomenti di cui parlo o per cercare i libri, i film, la tv, le riviste o la musica a cui faccio riferimento.

Se l’idea ti piace, iscriviti alla newsletter per non perdere le prossime:

OK, PRENDIAMO UN CAFFE’ INSIEME!

Come sempre un grazie all’amico Janpa Serino che con la sua bella voce introduce ogni puntata!


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai ebook e video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. Rivelazioni e Il tesoro di Leonardo sono i suoi libri più recenti. Il passato è una bestia feroce è il primo thriller di una nuova serie: il secondo si intitola Non guardare nell’abisso e arriva il 21 giugno 2016. Segui Massimo anche su FacebookTwitter, PeriscopeInstagram, Pinterest, Telegram e la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive). Per invitarmi a tenere una conferenza scrivete qui.




2 Comments

  1. Ciao Massimo! Quoto quanto suggerito sulla visione de “La finestra sul cortile”… Tra i 14 e 15 anni penso di avere consumato la videocassetta!
    Idem per il discorso del tenere un taccuino sempre a portata di mano. Fin da quando avevo 8 anni andavo in giro annotandomi situazioni, paesaggi e qualsiasi cosa catturasse la mia attenzione. All’epoca era utile nei giorni successivi alla gita di classe per il consueto tema sulla stessa. Oggi nella mia borsa non manca mai quel libricino imbibito, oltre che dell’ inchiostro della mia fedele penna, delle emozioni provate, delle immagini e di ogni singolo dettaglio avessi trovato degno di… nota! (Appunto!)

    1. Ottima abitudine, Valentina!

Lascia un commento

*