Un folletto ai piedi dell’albero?

Iniziamo la settimana con una nuova “foto misteriosa”. Questa volta è Ilaria a scrivermi: «Avrei una fotografia scattata nel 2007 che ritraee un folletto. L’ho scattata personalmente in pieno giorno con una macchina digitale, senza flash. Era l’una e venti. Mi piacerebbe farla vedere a Lei e saperne di più…».

Quando ho chiesto a Ilaria di mandarmela, me l’ha girata subito con questo commento: «Sono state scattate il giorno dopo “tutti i santi” e sulla costa di prato che sta vicino ad un rivo e sotto al cimitero del paesello. Le metto la fotografia orginaria a distanza come vedrà, in verità stavo fotografando l’albero… poi zummando ho visto questo gnomo con tanto di cappello rosso in trasparenza e forse in movimento??.  Potrebbe essere un – berretto rosso – che in questo periodo dell’anno è più facile vedere, però il mio intento era fotografare le piante».

Ed ecco le tre foto che mi ha mandato:

Devo ammettere che non sono riuscito a vedere lo gnomo, nemmeno nell’ingrandimento. Così, ho ingrandito io la foto originale della pianta e mi sono messo alla ricerca di una sagoma che potesse ricordare uno gnomo. Prima di andare avanti, magari, provateci anche voi…

Qui sotto vedete un punto, alla sinstra della pianta, dove mi sembrava che Ilaria avesse visto il suo gnomo:

E questo un rozzo profilo di quello che si potrebbe immaginare di vederci:

Uno gnometto, con cappellone, che cammina verso sinistra. Lo so, c’è voluta una po’ di fantasia… Quando però ho chiesto a Ilaria se fosse quello lo gnomo che aveva visto, mi ha risposto: «So che non è facile vederlo… deve zummare la foto dell’albero, verso il tronco e lo vedrà meglio, in trasparenza. Vede proprio la punta del cappello. Sembra di profilo… Negli altri ” ingrandimenti ” si vede male e sgranato, lo so.

La fotografia è stata scattata in Valle Camonica ( bs ). Deve ” aguzzare la vista ” e lo vedrà. E’ meglio appunto zummi dalla foto originaria. Mi sono accorta perchè dovevo fotografare albero e tronco e zummando verso il tronco l’ho visto. Sti però leggermente avanti rispetto al tronco, sull’erba».

Però confesso che io non sono proprio riuscito a vedere lo gnomo. La mia impressione, come ho subito detto a Ilaria, è che si tratti di un classico caso di pareidolia (in un’immagine confusa, la nostra immaginazione riconosce forme che, in realtà, non esistono – vedi qui vari esempi). Però, se volete cimentarvi voi e vedere se individuate lo “gnomo” di cui parla Ilaria, questo sotto è un ingrandimento del prato di fianco e di fronte alla pianta (spero di non avere tagliato proprio la parte con lo gnomo!):

Fatemi sapere voi se riuscite a individuare qualcosa. Nel frattempo, ecco ancora la prima parte del programma alla Televisione Svizzera dove parlavo proprio di gnomi e folletti. A breve la seconda parte…



20 Comments

  1. ECCCO TUTTI I DATI DELLA PRIMA FOTO CHE HO RICAVATO

    Metering Mode: Pattern

    Y Resolution: 72/1

    Resolution Unit: 2

    Exposure Time: 0,01

    Exposure Bias: 0/1

    Software Used: Pixelmator 1.4.1

    Ver: –

    Flash: reserved

    ColorSpace: 1

    Equip Make: OLYMPUS IMAGING CORP.

    ICC Profile: 0

    Equip Model: E-500

    F-Number: F/5

    DTOrig: 2007:11:02 14:21:08

    Exposure Prog: Creative program (biased toward depth of field)

    Luminance Table: 0

    MaxAperture: 925/256

    ISO Speed: ISO-100

    FocalLength: 14

    PixXDim: 561

    DTDigitized: 2007:11:02 14:21:08

    Chrominance Table: 0

    PixYDim: 748

    Orientation: 1

    Image Description: OLYMPUS DIGITAL CAMERA

    LightSource: unknown

    X Resolution: 72/1

    Date Time: 2009-09-06 14:01:53 +0200

  2. ops, no, mi rimangio tutto 😉 Questo dimostra quanti bei gnomi si possono trovare grazie alla pareidolia

  3. vorrei fare una domanda,risponda chi vuole,ma lo gnomo,o folletto,fu creato dalla fantasia di qualche artista,nel 900 o nell’800 o quando è stato non lo so,oppure fu disegnato sulla base di quanto qualcuno aveva visto? questo punto è fondamentale,perchè se lo gnomo nasce come prodotto di fantasia di qualche artista è ovvio che poi in queste circostanze noi proiettiamo ciò che conosciamo,appunto la fantasia di quell’artista. Risponda chi vuole, grazie. Luigi

  4. Senza voler chiudere la porta in faccia a nessuno, bisognerebbe scartare tutte le foto poco chiare e esaminare solo quelle dove sono ben delineati i tratti del volto, gli abiti, i colori, ecc. ovvero quelle di fronte alle quali lo scettico non può parlare di pareidolia, ma di falso o di trucco.

  5. Ehi, ma non è uno gnomo qualsiasi, è Grandepuffo!!!!

  6. ha ragione polares!

    basta con questi giochini, che tra l’altro riescono meglio a Giacobbo e Ruggeri.

    E sono meglio anche le classiche foto sfocate di UFO.

    Pinotti arrivo!!!11

  7. E basta con queste sciocchezze…Suvvia, siamo seri!

    La foto non ritrae un bel nulla!

    Massimo perché vuoi per forza farci giocare con l’immaginazione??

  8. Con tutta la buona volontà non riesco a vedere assolutamente nulla… capirei se Ilaria avesse visto lo gnomo “live” ed avesse cercato di fotografarlo, ma sinceramente anche col massimo dello zoom proprio non vedo niente di diverso da un prato ed un bell’albero.

  9. l’ho visto, l’ho visto!!!!! nella prima foto in alto, una bella gnomessa con gli occhi verdi stile pianta, nelle altre foto sto ancora cercando.

    ps. se la nostra amica avesse visto qualcosa che difficilmente vedremo mai, allora, beh, forse è lei la donna bionica.

    buona giornata

Lascia un commento

*