La misteriosa sensitiva russa che (forse) visse due volte

Su Repubblica di oggi compare tra i titoli di rilievo anche questo: «Salvate la “donna a raggi X” e i suoi occhi capaci di magie».

psychic

Vi si racconta di Julia Vorobjova, 70 anni, guaritrice che secondo i “si dice” avrebbe curato tutti i potenti russi, Breznev, Andropov, Elstin, Gorbaciov, e poi Mitterand, Woytila e chissà quanti altri.

Julia Vorobjova o Eugenia Davitashvili?

Julia Vorobjova o Eugenia Davitashvili?

L’articolo, che prende spunto dalle difficoltà economiche che la Vorobjova starebbe passando al momento, è un ritratto roseo e immacolato delle sue presunte facoltà paranormali. Non esiste un minimo accenno al dubbio né vengono portate prove scientifiche in sostegno di tali facoltà. Ma, cosa più interessante, di questa sensitiva così celebre sembra non esistere traccia da nessuna parte.

È stato Enrico Battocchi a segnalarmelo: «A cercare su Google l’unica Julia Vorobieva  famosa (o simili, viste le diverse possibili traslitterazioni dal russo) è una pattinatrice dell’Azerbaijan. Su Google non sembra risultare nessuna guaritrice con quel nome, a parte un altro paio di link *di oggi* con la stessa foto (quindi evidentemente ripresi da Repubblica.it). La foto stessa su tineye.com non si trova».

Poi, però, Enrico fa una scoperta interessante: «Cercando “breznev healer” si trovano quasi solo riferimenti a Eugenia Davitashvili, detta Giuna o Djuna, che è del 1949 (stando a en.wiki) e quindi non ha 70 anni ma 10 di meno».

Di questa signora parlava il Corriere della Sera nel 1995, in un articolo tutt’altro che lusinghiero e che si può leggere qui. E allora provo a fare un’ipotesi: che Vorobjova e Giuna siano la stessa persona? Forse, la scarsa credibilità di Giuna può averla indotta a cambiare nome, mantenendo però i “meriti” di guaritrice?

Vediamo se, online, c’è qualcuno (magari proprio in Russia) che può aiutarci a chiarire questo piccolo mistero…


Ti è piaciuto questo post? Iscriviti alla mia newsletter per non perdere i prossimi e restare aggiornato. Riceverai ebook e video esclusivi e gratuiti.


Massimo Polidoro

Scrittore, giornalista e Segretario del CICAP, è stato docente di Metodo scientifico e Psicologia dell’insolito all’Università di Milano-Bicocca. Allievo di James Randi, è Fellow del Center for Skeptical Inquiry (CSI) e autore di oltre 40 libri e centinaia di articoli pubblicati su Focus e altre testate. Rivelazioni e Il tesoro di Leonardo sono i suoi libri più recenti. Il passato è una bestia feroce è il primo thriller di una nuova serie: il secondo si intitola Non guardare nell’abisso e arriva il 21 giugno 2016. Segui Massimo anche su FacebookTwitter, PeriscopeInstagram, Pinterest, Telegram e la sua newsletter (che dà diritto a omaggi ed esclusive). Per invitarmi a tenere una conferenza scrivete qui.




40 Comments

  1. Be’ oramai Aldo mi sembra che siamo a buon punto, i partecipanti non mancherebbero.Che ne dici di aprire un nuovo programma tv dal titolo “PARANORMAL GUINNES”?conduce Massimo Polidoro, Gerry Scotti e’ impegnato e poi e’ ha digiuno di questo materia. ciao Aldo.

  2. Sono gia’ passati circa sei mesi, la Signora Cutolo nel frattempo continua incessantemente a guarire, la dove la medicina non guarisce. Il CICAP (Morocutti) e STRISCIA LA NOTIZIA attendono trepidanti un cenno ……

  3. @ Nico: “mettendola sul piano scientifico” ??? credimi non hai la benchè minima idea di quello che dici, lascia perdere e non cercare spiegazioni, ti mancano le basi per poter cominciare a capire le proprietà dell’ottica” e della fisiologia partendo da meri concetti elementari!!!!
    Luca M. biologo

  4. “ma che non si esponga il minimo dubbio sull’esistenza di questi poteri…”.vedi Uri Geller, ancora oggi c’e’ gente che crede. Ma di fatti per il momento , ancora siamo a zero.

  5. Non e’ che non hanno affatto indagato Sig. Grano. Rita Cutolo , non vuole proprio il confronto con il CICAP. Non se se ha seguito la vicenda , ma ci hanno provato anche Striscia la notizia e marocutti (cicap). E visto che fare la guaritrice e’ la sua “specialita’” non dovrebbero esserci problemi nel dimostrarlo. o no?grazie dell’attenzione Sign. Grano ciao.

  6. anch’io ho letto quell’articolo di Repubblica. non ho fatto altre ricerche sull’argomento, comunque mi ha colpita il fatto che si desse per scontato che questi poteri fossero veri. ora, se vogliamo discutere il fatto che una donna che è stata così tenuta in considerazione dalle istituzioni russe quando era giovane, e poi abbandonata a se stessa in vecchiaia e durante una brutta malattia, ci posso stare. ma che non si esponga il minimo dubbio sull’esistenza di questi poteri…

  7. Enrico, Fedorovna è l’otchesvo (il patronimico), che è un aggettivo derivato dal nome del padre. In poche parole significa “figlia di Fedor”. In russo, come forma di riguardo, ci si rivolge a una persona chiamandola non per cognome ma con la coppia nome+otchesvo.

    Cercando in rete Джуна Давиташвили e Юлия Воробьева (о Юлия Федоровна Воробьева) pare di capire siano due persone diverse. Anche le foto sono di due donne diverse.

    Del resto non c’è da stupirsi: nelle ex repubbliche sovietiche è pieno di persone che si spacciano per guaritrici con poteri speciali. E ora che molti degli interessati non ci sono più, probabilmente non è così difficile spacciarsi per la guaritrice di fiducia di qualche ex gerarca comunista.

    Quanto alla Vorobeva, leggo sul sito paranormal-news.ru (che solo dal nome ispira la massima fiducia!) che ora vive in una modesta pensione in un paesino dell’Ucraina. Non c’è sa stupirsi che vada in giro a raccontare si aver stupito scienziati internazionali con i suoi poteri: un modo come un’altro per attrarre attenzione e portare a casa qualche soldino.

  8. @Nico: Un conto è parlare di percezione alterata, cosa che ritengo comunque improbabile dato che la “fetta” di spettro elettromagnetico che l’occhio può percepire dipende dalla struttura intrinseca della retina, un’altra è affermare che l’occhio emetta delle radiazioni: tipicamente i raggi x vengono emessi da degli acceleratori di particelle (elettroni, soprattutto) o da diseccitazioni dei nuclei atomici. Ora, con tutta la buona volontà, non riesco proprio a credere che una cosa del genere possa avvenire all’interno degli occhi della signora. Sarebbero poi dei raggi x veramente strani: vede attraverso i corpi (tranne il suo!) ma non attraverso strutture inanimate? Suvvia siamo seri…

  9. @Davide, i giornali enfatizzano ma credo che la signora possa avere realmente una percezione grafica alterata, mettendola sul piano scientifico, volendo parlare di spettroscopia, ottica, radiazioni, ecc ecc. posso dirti che le api, ad esempio riescono a visualizzare diverse aree dello spettro elettromagnetico, tutto ciò che vedi è elaborato nell’unico modo in cui il tuo cervello ha imparato a visualizzare. Un alterazione della percezione dello spettro elettromagnetico, sono convinto, può causare una visione alternativa a quella da noi conosciuta.

Lascia un commento

*