Categorie
Blog Psicologia dell'insolito

“Ma perché la mia coda è sempre la più lenta?”

Ogni tanto me lo chiedo anch’io, ma approfitto della mail di Stefania R. per provare a rispondere a questa domanda che, prima o poi, tutti si fanno: perché, quando ci capita di stare in coda, al supermercato, in posta o al casello autostradale, si ha quasi sempre l’impressione che la nostra sia la fila più lenta?In realtà la matematica ci dice che la probabilità di avere imbroccato la coda meno afflitta da rallentamenti è tanto più piccola quanto maggiore è il numero di casse: se sono 10, abbiamo solo una probabilità su 10 di avere scelto la fila più rapida. E 9 di irritarci per la nostra presunta “sfortuna”. Persino se ambissimo solo a finire prima delle due code a fianco, 2 volte su 3 la fila di sinistra o di destra batterà la nostra. Non resta che rassegnarsi e aspettare il proprio turno…

22 risposte su ““Ma perché la mia coda è sempre la più lenta?””

Non ci si può ribellare. Citazione dal libro de “La Legge di Murphy”…, Arthur Block

LEGGE

Se qualcosa può andar male lo farà.

COROLLARI

1. Niente è facile come sembra;

2. Tutto richiede più tempo di quanto si pensi;

3. Se c’è una possibilità che varie cose vadano male, quella che causa il danno maggiore sarà la prima a farlo;

4. Se si prevedono quattro possibili modi in cui qualcosa può andar male, e si prevengono, immediatamente se ne rivelerà un quinti;

5. Lasciate a se stesse, le cose tendono ad andare di male in peggio;

6. Non ci si può mettere a far qualcosa senza che qualcos’altro non vada fatto prima;

7. Ogni soluzione genera nuovi problemi;

8. I cretini sono sempre più ingegnosi delle precauzioni che si prendono per impedirgli di nuocere;

9. Per quanto nascosta sia una pecca, la natura riuscirà sempre a scovarla;

Tralascio la N° 10…

LA FILOSOFIA DI MURPHY

Sorridi… domani sarà peggio.

COSTANTE

Le cose vengono danneggiate in proporzione al loro valore.

VERSIONE RELATIVISTICA DELLA LEGGE

Tutto va male nello stesso tempo.

Ciao Massimo termino con questo post di chiarimento…

sulla pagina del CICAP hanno scritto che mi hanno bannato per errore..peccato che sia il secondo account che mi bannano..questo conferma la leggerezza con cui censurano le persone che propongono un confronto….

In quanto al Prof.Odifreddi in quella intervista sottolinea facendovi una critica costruttiva l’errore del CICAP di essersi abbondonato a posizioni estreme e quindi scientiste. Dal 2001 non mi sembra che il modus operandi del CICAP sia cambiato e Tu Massimo sai meglio di me quanti come il Prof. Odifreddi,persone al di sopra di ogni sospetto Vi hanno consigliato rimarcando il valore del Vs Comitato, di riflettere che andare verso una deriva integralista corrisponde ad andare nella direzione opposta a quella che si era proposto il CICAP.

Massimo un suggerimento perché non proponi quanto scritto dal Prof Odifreddi sul tuo blog come tema sul futuro del CICAP? In quanto al Prof. Odifreddi chiederò se la pensa nello stesso modo e se avesse cambiato idea, in quale modifica comportamentale del CICAP ha visto la fine delllo scientismo espresso dal CICAP…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*