Categorie
Blog Psicologia dell'insolito

Vero o falso? La puntata del “Giardino di Albert” online

Un mio intervento a “Il Giardino di Albert”, il programma di Giovanni Pellegri per la TV Svizzera, è ora online sul sito della RSI. Si parla, tra l’altro, di Mirin Dajo (l’uomo che si faceva trafiggere – davvero – da una spada), di vortici d’acqua, falsi artistici e di “compenetrazione della materia”… Potete guardare qui i vari spezzoni del programma.

26 risposte su “Vero o falso? La puntata del “Giardino di Albert” online”

Per Luca Neri.

Credo sia stato possibile in quei tempi impiantare una protesi a canale ma comunque visibile ai raggi xn ma da quello che ho visto nel filmato le lastri sono state fatte a spada infilzata e quindi nn è facile da capire se ci fosse stata una protesi specie con i mezzi di indagine dell’epoca.

Comunque concordo sul fatto che è stupefacente e che era un incoscente puro.

Non so se sia vero o no la storia dell’autotrafiggente (si dice?), ma mi pare che molti ormai siano i dati dimostrati di quello che sanno fare i sadhu praticanti lo yoga…al famoso kumbamela. cose del genere mi pare siano roba ordinaria. Il nostro corpo ha potenzialità che nemmeno sospettiamo, e meno male! Si tratta di cose affascinanti, altro che deriderle.

Per me, almeno, è così.

Un saluto.

La cosa che mi ha colpito di più è Massimo che non riesce a dare una spiegazione…logica, scientifica. Parla di pelle callosa, allenata. Massimo: ma che mi ti arrampichi sugli specchi??

Per 10 anni ho suonato il basso in maniera molto attiva; un giorno arrivò il momento del servizio militare e tra le varie visite c’era quella di bucare un dito per prendere una goccia di sangue. Il mio dito era così calloso che l’infermiere non riusciva a bucarlo…

Qui però parliamo di spada e la cosa è molto più seria.

Oltretutto, avrete notato che l’inquadratura filmica stacca proprio nel momento in cui lo spadaccino sta per inserire la spada, facendo un primo piano sul protagonista. Dopo, l’inquadratura diventa di profilo, dalla parte del braccio destro. L’altra ripresa che filma un’altro buco ci mostra il protagonista sempre di fronte. Insomma, facendo il Massimo della situazione, ci sono cose che non mi convincono proprio per niente.

Si, l’effetto della spada che aguzza la carne e fuoriesce è impressionante, ma con dei buoni mezzi si potrebbe ricreare benissimo.

Ho notato che «questo fatto» è dato per certo, non c’è dubbio alcuno da parte di Massimo. Mi chiedo: perché questo si e altri no??

Arriveduar

Spero di non andare OT, ma credo che la presenza di personale del CICAP in più trasmissioni italiane sia necessaria. Se non altro per fermare scempi orribili come quelli che si vedono in alcune trasmissioni televisive (che cominciano per “M”).

Capisco la volontà di mantenersi lontani da un ambiente becero come quello della televisione, ma stanno facendo di tutto per convincere persone di cose che, alla lunga, portano a conseguenze che non hanno nulla di piacevole.

Credo che la presenza di “personalità” come Polidoro sia necessaria. Non che altri rispettabilissimi elementi del CICAP non possano essere validi nelle loro analisi e nelle loro presenze televisive, tutt’altro.

Ma la gente è ormai abituata a vedere personaggi come Pinotti comparire sul piccolo schermo presentati come autorità non smentibili. Vorrei vedere più “Polidoro” confrontarsi direttamente coi “Pinotti” e spiegare chiaramente, sfruttando anche la propria notorietà perchè no, che l’astronave di Chicken Little non è un velivolo alieno.

Per il resto, buon lavoro Polidoro, apprezzo molto il suo lavoro e spero possa ottenere qualche spazio in più nella chiassosa Italia allo sfascio.

x Luca Menichelli.pensi fosse stato possibile all’epoca impiantare protesi a canale?ai raggi x sarebbe stato possibile vederle?grazie luca . salutoni.

Alla fine del filmato parlano di autopsia, e di cicatrici interne . Se il polmone destro mancava , possibile che nessuno se ne sia accorto?dopo decine di volte che il polmone e’ stato trapassato, non c’e’ stato un caso di pneumotorace?Mi piacerebbe avere il resoconto della autopsia. Ma mi sa che dovremo aspettare un bel pezzo……..E’ un piacere avere in questo blog Garlaschelli , anzi un grande onore .Ma la prego , non cerchi di replicare su di lei quello che faceva Mirin, le credo sulla parola . Saluti .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*